mercoledì 22 gennaio 2014

"APERTO IL CASO DELLA PICCOLA CELESTE CARRER: IL METODO STAMINA ARRIVA IN AMERICA"

Aperto il caso della piccola Celeste Carrer: il METODO STAMINA arriva in America "  E' da anni motivo di dibattiti, il caso di Celeste Carrer, la bambina che ha commosso l'intera Italia, perchè al centro di una guerra legale  affinchè si possa permettere ai genitori di poterla guarire con il cosiddetto metodo stamina, una cura a base di cellule staminali. 
 La piccola Celeste è malata di atrofia muscolare spinale, una malattia di natura degenerativa che comporta forti handicap motori   e, nelle forme più precoci, riduce drasticamente l'aspettativa alla vita proprio come stava accadendo a lei; per tale malattia esistono   dei protocolli terapeutici per la gestione dei sintomi, ma non una cura definitiva, ed è per questo che molti portatori di tali malattie tentano   strade"sperimentali" non ancora del tutto sicure e certe; tuttavia 
questo trattamento veniva usato in modo "compassionevole"per la piccola Celeste   come una specie di ultima spiaggia, premettendo che la legge prevede questo tipo di uso compassionevole di farmaci e terapie non convenzionali 
 a patto che sia supportato da validi motivi scientifici.
 Lo scorso maggio, dopo notevoli miglioramenti di salute, l'agenzia italiana del farmaco fece emettere un'ordinanza per bloccare il trattamento terapetico  sperimentale; secondo l'Aifa, il laboratorio della Stamina Foundation, l'Onlus, che somministrava tale trattamento insieme all'ospedale di Brescia, era non igienico, i medici descritti come 
inconsapevoli delle sostanze che iniettavano, cartelle cliniche irregolari e via dicendo;
 venne così avviata un'inchiesta dalla procura di Torino sull'uso delle  cellule staminali, una battaglia riguardo al suo utilizzo, ed in mezzo a questa lotta il diritto alla vita di una creatura segnata dal destino;   In soccorso della piccola era arrivato il giudice del lavoro di Venezia, Margherita  Bortolaso che, senza aver esitato, aveva revocato lo stop imposto 
dall'Aifa. 
Pertanto, l'ordine, giunto all'ospedale " per esclusiva rilevanza del singolo caso" aveva permesso di sottoporre Celeste ad un infusione immediata   delle cellule staminali, tenendo solo conto dell'importanza primaria del bene da tutelare. Coinvolto, in questo botta e risposta, anche il programma Le Iene accusato,  da alcuni scienziati, di essere stato causa di  disinformazione sul caso; resta comunque da dire, quanto è scandaloso che  lo Stato abbia creato un tale caos su una storia delicata come questa: da un lato, autorizzando le famiglie ad essere trattate, dall'altro bloccando i trattamenti  stessi  e dall'altro ancora, con i giudici, ordina che invece proseguano. 
 Il Procuratore della Repubblica Raffaele Guariniello fà sapere che le indagini preliminari sulla vicenda Stamina sono quasi a conclusione   e presto sapremo se ci  sarà rinvio a giudizio oppure richiesta di archiviazione; sul caso stamina son coinvolte,ben venti persone ,tra cui anche  il presidente di Stamina Foundation. 

A breve la prima udienza del procedimento giudiziario, ma già secondo la commissione scientifica, nominata 
dal ministro della salute, il metodo Stamina ideato da Vannoni,non ha alcuna validità scientifica.
 Davide Vannoni  non si arrende e ha dato conferma all’agenzia TMNews del fatto che tre università americane sono disponibili ad effettuare   dei test sulle cellule staminali per appurare l'efficacia del Metodo Stamina ma prima di poter inviare le cellule staminali negli Stati Uniti per i test, sarà necessario attendere il risultato del ricorso al tribunale. 



Dora Marino

Nessun commento:

Posta un commento